Cosa fare se - Comune di Pegognaga (MN)

Servizi | Ambiente e Verde | Animali | Cosa fare se - Comune di Pegognaga (MN)

Cosa fare in caso di
adozione
 
Quando decidiamo di adottare un animale dobbiamo fare una scelta ben ponderata: non possiamo scegliere un animale perché ci piace basandoci solo sull’aspetto estetico e dobbiamo considerare che un animale è un essere vivente di cui non ci si può sbarazzare alla prima difficoltà.
 
E’ fondamentale prima di adottare un animale pensare alle spese che dovremo sostenere per l’alimentazione, la salute e il benessere dello stesso.
 
Se scegliamo un cane teniamo conto che ha bisogno di spazio e tempo: un cane grande e vivace sta meglio in una casa con giardino così come un cane anziano forse non gradisce l’esuberanza dei bambini. Prima di scegliere il tipo di cane quindi dobbiamo essere coscienti delle nostre e delle sue esigenze in modo da poter scegliere il cane più adatto in base a taglia, tipologia di pelo e carattere; è inoltre necessario che tutta la famiglia sia d’accordo nella scelta e sia consapevole che il cane dovrà seguire la famiglia in vacanza e che andrà portato fuori per le passeggiate igieniche e per socializzare con i suoi simili e con le persone anche quando le condizioni atmosferiche saranno avverse.
 
 
Se decidiamo di adottare un gatto dobbiamo tener conto che ogni gatto ha il proprio carattere: ci sono gatti molto tranquilli che passano la loro giornata a sonnecchiare e gatti molto vivaci che per sfogare la propria esuberanza possono arrampicarsi sulle tende o farsi le unghie sul divano.
 
 
Prima di adottare un animale verifichiamo che nessun membro della famiglia sia affetto da allergie: questa è purtroppo una delle motivazioni che più frequentemente vengono addotte all’atto dell’abbandono o della cessione di un animale.
 

 

smarrimento
 
In caso di smarrimento, telefonare immediatamente alla Polizia Locale, tel. 03765546216 o cell. 3293179250,  comunicando numero di microchip o tatuaggio (per cani e gatti) e descrizione dell'animale;
 
Se si tratta di un cane, contattare anche il canile di zona, tel  0376550784 o cell. 3493552499, fornendone una descrizione e possibilmente delle foto;
 
Preparare dei volantini da affiggere nella zona dello smarrimento, in zone di grande passaggio, ambulatori veterinari, negozi ed associazioni animaliste.
 
Esistono inoltre numerosi siti internet o pagine Facebook che si occupano di diffondere appelli per animali persi e trovati.

 

ritrovamento
 
Se si trova un animale, perso o ferito, bisogna cercare di trattenere l'animale per impedirne l’allontanamento e contattare immediatamente la Polizia Locale o il Comando dei Carabinieri, qualora i vigili urbani non fossero reperibili.
 
Per gli animali ritrovati in autostrada, su strade statali o provinciali, bisogna invece contattare la Polizia Stradale.
 
Le Forze dell’Ordine contattate hanno l’obbligo di richiedere l’intervento del servizio d’accalappiamento (reperibile 24 ore su 24 anche nei giorni festivi a cura e competenza di ATS-Valpadana) per il  recupero dell’animale.
 
viaggio o vacanza
 

Sono sempre di più le strutture turistiche disposte ad accettare animali (ci sono circa 2.647 alberghi e 680 agriturismo italiani accessibili ai cani): alberghi, agriturismo, spiagge, ristoranti.

In auto (art. 169 comma 6 C.d.S.), in treno, in nave, in aereo: i nostri amici quadrupedi possono seguirci ovunque: basta informarsi per tempo sui regolamenti che le varie compagnie applicano per il trasporto di animali da compagnia .

Non dimentichiamo di portare il loro libretto sanitario e l'iscrizione all'anagrafe regionale degli animali da affezione. Nel libretto sanitario sono indicate le vaccinazioni effettuate oltre alle informazioni relative al soggetto (nome, sesso, razza, tatuaggio, indirizzo proprietari).

 

Organizzatevi per tempo.


Per non avere spiacevoli sorprese è bene conoscere gli obblighi sanitari richiesti dal luogo dove andrete a passare le vacanze, pertanto è consgliabile informarsi almeno 2 mesi prima, in modo da poter adempiere agli obblighi previsti dalla regolamentazione sanitaria e procedere alle eventuali vaccinazioni. 


» Vai al sito del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali.

 

morte
 
Quando un animale domestico muore i proprietari si devono occupare della sua sepoltura o del suo incenerimento.
 
Occorre innanzitutto farsi rilasciare dal veterinario un certificato sanitario che attesti che la causa di morte non è dovuta a cause infettive, quindi, l'animale deceduto deve essere portato ad un inceneritore autorizzato.
 
E’ possibile scegliere se portare di persona l’animale o richiedere il servizio di trasporto a pagamento.
 
La comunicazione del decesso deve essere inoltre data all’anagrafe regionale degli animali da affezione entro 15 gg dalla morte.

 

 

 
 
 
 
.
Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (26 valutazioni)